© 2019 by movimento strade scolastiche. Proudly created with Wix.com

  • w-facebook
Cerca
  • lindamaggiori

Buoni esempi di Strade Scolastiche!

Aggiornato il: 25 giu 2019

Ecco solo qualche buon esempio! se me conoscete altri, segnalateli a stradescolastiche@gmail.com

· Comune di Bolzano – E’ la prima città che, su esempio del Nord Europa, ha sperimentato le strade scolastiche in Italia: risale al 2001, con l’iniziativa "Autofrei zur Schule”, furono istituite le prime strade scolastiche, ora applicate in modo piuttosto diffuso su tutta la città (9 scuole). Il numero dei bambini accompagnati in auto è ora il più basso d’Italia, mentre i bambini in bici o a piedi sono 60,7%.

· Comune di Reggio Emilia: con giochi, sfde e tornei (Raccogliamo Miglia Verdi, Torneo Cammina e Pedala, Traffic Snake Game) la mobilità sostenibile si impara a scuola. In 4 anni sono state create 6 strade scolastiche e un parcheggio libero dalle auto. Le sbarre vengono presidate da volontari, polizia locale, in alcuni casi dagli stessi genitori della scuola. In un caso è stata attivata una sbarra automatica.

· Comune di Milano: le prime strade scolastiche car free sono partite nel 2012, oggi sono 18, per un totale di 9.000 alunni interessati.

· Comune di Rimini: stanno sperimentando una strada scolastica in modo molto creativo: nel maggio scorso è partita una sperimentazione con installazioni e sedute, per rendere la strada chiusa bella e giocosa.

· Comune di Riccione: i vigili, giorni prima dell’inaugurazione di una strada scolastica, hanno spiegato le motivazioni con un bel post su FB.

· Comune di Olbia: da aprile a giugno 2019 il progetto pilota “via Nanni, Strada Scolastica” voluto dall’Amministrazione Comunale e realizzato da ASPO SpA. È il primo esempio di Strada Scolastica mai realizzato in Sardegna. Per facilitare ed accompagnare la sperimentazione, sono in via di attuazione interventi di riqualificazione della strada “a misura di bambini” e una serie di attività di animazione, urbanismo tattico e partecipazione messe in atto con il supporto di dell’Associazione hub.MAT e dello spin-off del Dipartimento di Urbanistica dell’Università di Sassari TaMaLaCà-Tutta Mia La Città. Il monitoraggio dei livelli di inquinamento e rumore nei pressi delle scuole verrà realizzato con il contributo del FabLab Olbia, che predisporrà i sensori necessari.

122 visualizzazioni
schoolstreets.png